logo senza sfondo
Cerca
Carenza di ferro: cosa fare? Inizia dal limone!

Se preferisci vedere il video, visita il mio canale youtube

Se invece preferisci ascoltare il podcast, ascoltalo cercando “Nutrizione in testa” su spotify o apple podcast.

Clicca sui pulsanti qui sotto per essere reindirizzato automaticamente.

 

Gli spinaci, famosi per essere ricchi di ferro, in realtà contengono una piccola quantità di ferro. Inoltre, essendo ferro non eme, l’assorbimento di questa piccola quantità a livello intestinale è basso (ne assorbiamo poco).

Dopo la partita, Pierluigi racconta a Daniele della sua settimana di riposo e si sorprende anche lui dell’energia che è riuscito a sfruttare in partita.

In questa settimana, Pierluigi, allenandosi meno ma continuando a mangiare bene, ha ridotto i suoi livelli di infiammazione. Al contrario di Daniele, che andando a correre tutti i giorni, ha visto aumentare i suoi livelli di infiammazione.

L’infiammazione fa produrre l’ormone epcidina, prodotto dal fegato. Quando i livelli di epcidina aumentano, si riducono i livello di assorbimento e trasporto di ferro.

I livelli del ferro quindi possono compromettere la perfomance in campo, come è successo a Daniele.

Per avere una perdita di ferro tale da indurre una marcata riduzione della performance, devono verificarsi insieme più delle seguenti condizioni:

  • Assunzione di ferro non eme (alimentazione plant based)
  • Assunzione di troppo calcio che riduce l’assorbimento di ferro (il calcio entra dalla porta del ferro, non facendolo passare).
  • Infiammazione per la produzione dell’ormone epcidina.
  • Carenza di vitamina C, la quale facilita l’assorbimento di ferro.
  • sanguinamento (visibile o nascosto) e sesso femminile per le mestruazioni

Oppure una di queste condizioni protratta nel tempo, in modo cronico.

È sempre quindi buona norma valutare i livello di ferro ematico, soprattutto se sportivi, dando importanza anche ai valori di emoglobina, ferritina (indica il deposito di ferro nelle cellule) e transferrina (proteina che trasporta il ferro dal sangue alle cellule e viceversa).

Come fare quindi per evitare una carenza di ferro?

  • Mangia ogni fonte di cibo, come ha fatto Pierluigi, in modo da assumere sia ferro eme che ferro non eme;
  • Assumi vitamina C e composti acidi, come appunto il succo di limone, perché aumentano l’assorbimento di ferro.

Proprio per questo il piatto di bresaola col limone è ottimo.

  • Non assumere alimenti fonti di calcio insieme ad alimenti fonti di ferro, per non ridurne l’assorbimento.
  • Attenzione anche ad alcuni cibi come i legumi che riducono l’assorbimento a livello intestinale del ferro.
  • Controlla almeno una volta all’anno i valori ematici. Fai particolare attenzione se sei un’atleta e/o una donna.

Se hai dubbi, non esitare a chiedere al tuo medico o biologo nutrizionista.

More
articles